ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI 2019

Approvato dall’assemblea dei soci il bilancio della Federazione BCC Lazio Umbria Sardegna 2018, ultimo esercizio prima della formazione dei gruppi bancari cooperativi. L’impegno della Federazione nell’anno è stato quello di garantire una transizione ordinata delle associate e del personale verso i Gruppi bancari cooperativi. Delle 17 BCC associate, 6 hanno aderito al Gruppo Bancario Cooperativo Cassa Centrale Banca per un montante di oltre 4 miliardi di euro, 11 hanno invece aderito al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea per un montante di oltre 22 miliardi di euro, pari quindi all’85%.
Nel presentare i positivi risultati gestionali, che hanno consentito per il nono anno consecutivo il ristorno dei contributi associativi a favore delle BCC aderenti (il totale stornato a favore delle associate dal 2008 a oggi ammonta a 8,7 milioni di euro), il presidente della Federazione, Francesco Liberati, ha ribadito “come si sia aperta una nuova fase della storia del nostro Movimento e per la nostra Federazione interregionale alla ricerca di un ruolo ancora utile allo sviluppo del credito cooperativo.
Ora la sfida che si pone – ha proseguito – non è soltanto quella di far decollare i gruppi bancari cooperativi ma anche, e soprattutto, evitare derive tendenti all’omologazione dei gruppi stessi verso modelli di impresa estranei alla nostra tradizione e al nostro modo di svolgere l’attività bancaria attraverso il mutualismo creditizio. E’ di fondamentale importanza, nel nostro Paese, tutelare la capacità di operare delle piccole banche, tipicamente specializzate nel finanziamento delle imprese minori.
Lungo questa via maestra, il nostro sistema associativo sta ricercando una nuova dimensione di rappresentanza e tutela del credito cooperativo italiano, nella quale noi Federazione Interregionale Lazio Umbria Sardegna vogliamo sentirci pienamente e attivamente partecipi. La Federazione dovrà rimanere la nostra casa comune, un luogo morale dove, al di là delle divisioni tra gruppi, ci si possa aggregare intorno all’idea cooperativa che ci ha fatto crescere come singoli e come banche”.
Presente all’Assemblea il presidente Federcasse Augusto Dell’Erba, che ha ricordato l’importanza di 50 anni di attività del sistema federativo della cooperazione di credito nel nostro Paese, sottolineando il ruolo giocato in particolare da Federcasse, in particolare dal gennaio 2015, in occasione dell’annuncio del progetto di riforma del credito cooperativo voluto dal Governo e dalle Autorità di Vigilanza. Un ruolo di regia che ha consentito di trasformare un progetto imposto dall’alto in autoriforma, evitando così lo snaturamento del credito cooperativo in Italia. Ora, dopo l’attuazione dell’autoriforma, il nostro sistema associativo è alla ricerca di una nuova dimensione e si stanno concordando, con un ampio processo dialettico, i nuovi statuti centrali e territoriali federativi.

SCARICA

Please follow and like us:
error